RINNOVO ADESIONE 2019 ► Rinnova Subito

was successfully added to your cart.
A.Co.I. NewsNews

Legge 4/2013: tempo di bilanci e di nuove sfide

Era il 14 gennaio 2013, giorno in cui veniva pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge 4/2013 “disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini, albi e collegi”.

Dopo diversi anni dall’entrata in vigore della legge 4/2013 è giunto il momento di fare un bilancio per analizzare quanto realizzato e soprattutto quanto ancora c’è da realizzare.

La legge ha avuto il grande merito di riconoscere dignità giuridica e professionale a una platea di oltre 1.000 professionisti del Coaching sino a quel momento mischiati in un mare magnum di guru, santoni, formatori e operatori professionali di vario tipo.

Con la legge 4/2013 è stato istituito e valorizzato il ruolo delle Associazioni Professionali di Categoria cui la legge affida la garanzia verso il cittadino/utente; le professioni restano libere, ma il sistema proposto tende a premiare conoscenze, competenze e abilità per permettere al cittadino di scegliere con maggiore consapevolezza.

Si è consolidato un sistema di rappresentanza più chiaro e forte, identificando nelle Associazioni Professionali di Categoria gli interlocutori credibili da chiamare in tutti i tavoli istituzionali. Grazie al lavoro costante di divulgazione e conoscenza della legge siamo riusciti a portare la voce dei professionisti associativi in ambiti sino ad oggi riservati solo ad altre categorie professionali.

I Coach Professionisti iscritti nelle principali Associazioni del settore hanno trovato, tramite le Associazioni e la legge 4/2013, la leva per investire sulla qualità e sulle competenze, in un mercato che è e deve rimanere libero.

“Nello stesso tempo – puntualizza la Presidente A.Co.I. Federica Palumbo – la Legge 4 resta poco conosciuta, poco valorizzata e anche poco capita”. E’ una norma che rimane troppo isolata dal contesto normativo e poco armonizzata con i provvedimenti che parlano di mestieri e professioni. Insomma, molto ancora bisogna fare per rendere veramente esecutiva la legge 4/2013 partendo da una forma aggregativa che vedrebbe coinvolte le principali Associazioni del Settore.

“La presenza di più Associazioni – spiega la Presidente A.Co.I. – rappresenta un indiscusso elemento positivo per gli utenti che si interfacciano con le categorie rappresentate”. “Ma – aggiunge critica – lasciare in attesa il settore di un soggetto aggregante, di espressa natura armonizzante, potrebbe risultare un’amara mancanza”.

“La nostra sfida – conclude la Palumbo – sarà di rendere applicabile veramente la Legge 4/2013, con l’obiettivo dichiarato di costruire insieme delle proposte che effettivamente corrispondano alle esigenze dei soci professionisti iscritti: maggiore competitività, politiche attive focalizzate sullo sviluppo delle conoscenze, competenze e abilità, riconoscimento sociale, la formazione come  strumento efficace per l’imprenditorialità.

Auspichiamo che il modo di lavorare di A.Co.I. contribuisca alla costruzione delle proposte per il settore del Coaching professionale.

Inserisci un Commento